domenica 11 aprile 2010

Jules Winnfield e il suo Ezechiele 25:17

« Ezechiele, 25:17. Il cammino dell'uomo timorato è minacciato da ogni parte dalle iniquità degli esseri egoisti e dalla tirannia degli uomini malvagi. Benedetto sia colui che nel nome della carità e della buona volontà, conduce i deboli attraverso la valle delle tenebre, perché egli è in realtà il pastore di suo fratello e il ricercatore dei figli smarriti. E la mia giustizia calerà sopra di loro con grandissima vendetta e furiosissimo sdegno su coloro che si proveranno ad ammorbare, e infine a distruggere i miei fratelli. E tu saprai che il mio nome è quello del Signore, quando farò calare la mia vendetta sopra di te! »


ooooooh che belloooooo

E invece è una s*******a.

Sì, non c'è nessun Ezechiele che nel capitolo 25 al versetto 17 recita codeste parole. Il buon "predicatore" cerca di incutere una sorta di timore apocalittico del giudizio del Signore, recitando uno dei versi più significativi della scena cinematografica degli anni 90. Uao ma che stile sto Jules Winnfield!!!
E invece niente, presi per il c**o tutti.
In verità il vero versetto recita la visione di Ezechiele nei confronti dei Filistei abitanti delle terre di Canaan, in conflitto con il popolo israelita e poi sconfitti simbolicamente con l'episodio del gigante Golia (piccolo appunto per chi non lo sapesse)

Ora vi riporto l'autentico verso 17 del capitolo 25 di Ezechiele:

Farò su di loro terribili vendette,
castighi furiosi,
e sapranno che io sono il Signore,
quando eseguirò su di loro la vendetta».


Ecco, la matrice del giudizio divino è sempre presente sia chiaro. Documentandomi con un libro in particolare, ho avuto modo di vedere che il resto sono riferimenti sparsi a concetti, frammenti (insomma un copiataglincolla) dell'Antico/Nuovo Testamento; "il cammino del giusto"(Salmo I), "la buona volontà" dell'evangelista Luca o la "valle delle tenebre" (Salmo 23).


E quindi perchè? Che Jules abbia fatto un mix tra interpretazione propria, passi della Bibbia e sermoni ascoltati da piccolo, quando era obbligato ad andarci per fare la Prima Comunione?

8 commenti:

  1. SI parlava giusto di tarantino e pulp fiction...

    RispondiElimina
  2. ecco, pampam tutti fregati...

    RispondiElimina
  3. una cosa che conferma la mia insofferenza per Tarantino!

    RispondiElimina
  4. Beh io onestamente ci sono rimasta male... voglio dire mi ha distrutto il mito di Samuel L Jackson come predicatore dell'apocalisse... chiederò i danni morali a Tarantino

    RispondiElimina
  5. Ti odio... mi hai distrutto un mito

    RispondiElimina
  6. Strano che tu mi dica "ti odio"!!! sei un pò troppo monotono.
    comunque tranquillo assimilerai anche tu col tempo

    RispondiElimina
  7. Anche io sapevo di questa cosa, forse però magari non è cattolico e nella sua Bibbia (protestante?) è scritto cosìì come lui dice... boh!

    RispondiElimina
  8. Ma, io che io sappia è stata un'invezione del buon vecchio Tarantino. Magari può essere che abbia preso spunto da qualche altra versione come la Bibbia di re Giacomo.

    RispondiElimina